La mostra nel mondo

« Una delle più affascinanti avventure dell’uomo », « Spettacolare e misteriosa »… Non mancano gli aggettivi per descrivere la grande Campagna Nubiana, nell'antico Egitto, sorgente di fascino e di ammirazione, che continua a svelare i tesori di una storia millenaria che rischiavano di essere sommersi dal Grande Nilo. I curatori dell'esposizione, ognuno con il suo patrimonio di esperienze, hanno riunito importante materiale fotografico, inedito a livello mondiale, per illustrare il tema. Si tratta di immagini eseguite dai protagonisti di questo entusiasmante lavoro, di cui si è celebrato il 50° anniversario nel 2009. La scenografia è sviluppata per raggiungere il “Grande Pubblico”, rendendo accessibili a tutti le informazioni e le dinamiche dell’opera compiuta, ad esclusivo vantaggio della conoscenza del patrimonio dell’umanità. Il pubblico potrà accedere a queste importanti informazioni in modo assolutamente inedito – i progetti, il taglio in blocchi, il deposito temporaneo, la ricostruzione necessari per il salvataggio - attraverso immagini dei Templi che chiedono solo di rivelarsi al grande pubblico.

Poiché il tema dell’esposizione potrebbe essere considerato estremamente tecnico, pur mantenendo alcune costanti, il salvataggio viene spiegato lungo il percorso espositivo per blocchi tematici: lo stato dei luoghi prima dei lavori, le cause dell’intervento, i progetti internazionali, lo smontaggio, il taglio in blocchi, il deposito temporaneo, la ricostruzione. Il tutto si ritrova nelle principali sezioni della mostra. La mostra si apre con la situazione trovata ad Abu Simbel, sito archeologico considerato tra i più importanti dell’antico Egitto. Dalla sabbia del deserto che fino ad allora ricopriva parzialmente i Templi di Ramses II e di Nefertari si passa alla costruzione del cofferdam, una protezione temporanea dal lento ma inesorabile innalzamento del livello del Nilo, causato dalla costruzione della diga di Aswan. La mostra si conclude con i Templi ricostruiti fedelmente, sia esteticamente che per il loro orientamento, capaci di rispettare le volontà del Faraone che li fece edificare con assoluta precisione in modo tale che, due volte l’anno, il primo raggio di sole illuminasse il santuario all’interno del Grande Tempio.

Il visitatore si immerge così in un favoloso viaggio attraverso la sequenza fotografica dei lavori di salvataggio nel corso del quale scoprirà le molteplici attività degli uomini e delle tecnologie usate per raggiungere questo importante obiettivo. In primis il grande contributo, assolutamente indispensabile, fornito dal popolo egiziano: anche se per un periodo più breve, anch’essi, al pari dei loro antenati, hanno concorso a scrivere un capitolo di storia, permettendo in futuro di ricordarli come i realizzatori del salvataggio dei Templi. Promosso dall’Associazione Culturale World Wide Artists Gallery in collaborazione con le più importanti e prestigiose Istituzioni Nazionali ed Internazionali, in un interscambio culturale, sociale ed economico tra il nostro Paese e l’Egitto, l’evento mette in risalto, oltre al naturale valore storico ed archeologico del sito, l’aspetto antropologico, concentrando l’attenzione sugli uomini, le metodologie del lavoro, i progetti ed i macchinari usati per l’impresa.


Aswan - Museo della Nubia - 2009

Anteprima internazionale in occasione del Convegno Internazionale “ Lower Nubia: Revisiting Memories of the Past, Envisaging Perspectives for the Future”, per il 50° Anniversario dell'inizio della Campagna per il salvataggio dei Templi della Nubia.

Roma - Tempio di Adriano - 2009

Chiusa il 2 giugno, la mostra documentaria sul salvataggio dei Templi di Abu Simbel al Tempio di Adriano ha pienamente raggiunto i due obiettivi prefissati. Un'opera di sensibilizzazione verso il grande pubblico su due giganti archeologici della nostra civiltà, il Tempio di Adriano a Roma e i Templi di Abu Simbel in Egitto, superando la soglia dei 50mila visitatori.

Viareggio - Museo della Marineria - 2009

"L'amministrazione è fiera di patrocinare e promuovere un evento di una rilevanza così grande”, dichiara Ciro Costagliola, Assessore alla Cultura e Spettacoli del Comune di Viareggio. “La mostra ha scelto di onorare la nostra città con questa tappa. L’evento – continua Costagliola – è di rilievo nazionale ed internazionale, ed è motivo di orgoglio per la nostra città sperando che sia un primo passo verso una nuova visione culturale per Viareggio, così da affacciarsi a pieno titolo come polo di riferimento culturale internazionale.

Torino - Castello del Valentino - 2009

Il Prof. Gustavo Colonnetti fu Scienziato di fama europea, Professore Universitario e Rettore del Politecnico di Torino, anticipatore di avanzate teorie nel campo della Scienza delle Costruzioni, Presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche, Accademico delle Scienze. E’ a lui che si deve l’ideazione del progetto, in collaborazione con l’Ing. Riccardo Morandi e con l’Arch. Piero Gazzola, con cui l'Italia vinse una prestigiosa competizione internazionale lanciata dall’UNESCO per salvare i Templi di Abu Simbel.

Il Cairo - C.I.E.R.A. - 2009

“… tali ricchezze, delle quali è già triste dover dire che il rischio di perderle può essere imminente, non appartengono solo alle nazioni che oggi ne sono depositarie. Il mondo intero ha diritto alla loro perennità perché sono parte di un patrimonio comune che comprende tanto il messaggio di Socrate che gli affreschi di Ajanta, le mura di Uxmal che le sinfonie di Beethoven. Ai monumenti di valore universale si deve una tutela universale”.

Alexandria - Bibliotheca Alexandrina - 2010

Fu necessario aspettare fino al 1964 per dare inizio, secondo il calendario previsto, allo smantellamento dei Templi di Abu Simbel. René Maheu, Direttore Generale dell’UNESCO, dichiarò: “Non è la prima volta che la generosità umana si mobilita per una nobile causa; è invece la prima volta che un movimento di solidarietà internazionale si sviluppa con una tale ampiezza nel campo della cultura”. Abu Simbel diventò non solo una testimonianza, ma il simbolo del salvataggio dei Templi della Nubia.

Il Cairo - C.I.E.R.A. - 2010

L’evento espositivo “Abu Simbel: il salvataggio dei Templi, l’uomo e la tecnologia” arriva al Cairo, con il sostegno delle più importanti Istituzioni Italiane ed Egiziane, per raccontare le diverse fasi e la tecnologia usata per questo straordinario salvataggio, attraverso un percorso di immagini di rara bellezza, ed evidenziando il grande lavoro svolto da più di 2000 uomini, che hanno dato il loro straordinario contributo in termini di operosità, serietà, competenza e genialità nell’esecuzione di tale opera.

Il Cairo - C.I.E.R.A. - 2010

Promosso dall’Ambasciata Italiana in Egitto e dall’UNESCO Cairo Office, in collaborazione con World Wide Artists Gallery Association e CULTNAT, e con la regia di Adel Said, l’evento e’ costituito da un concerto di Karam Mourad, con melodie in lingua nubiana e note di strumenti originali ad aprire una finestra sul passato, rievocando riti antichi, la proiezione di immagini che riscoprono la cultura della Nubia e ne promuovono la conservazione nel futuro e la mostra Abu Simbel: Il Salvataggio dei Templi, Uomo e Tecnologia, percorso espositivo ad illustrare la partecipazione internazionale e le diverse fasi del salvataggio dei templi nubiani.

Il Cairo - Giza - Sphinx' Court - 2010

UNESCO World Heritage Day, lanciato nel 1983, mira a sensibilizzare l'opinione pubblica circa la diversità del patrimonio culturale e di richiamare l'attenzione di antichi siti di tutto il mondo. L'idea è quella di dare visibilità agli sforzi internazionali volti a preservare questi siti ed aumentare la consapevolezza dell'importanza di sostenere tali sforzi.

Firenze - Museo Egizio - 2010

Nell’immenso patrimonio culturale ed architettonico del Centro Storico di Firenze, iscritto dall’UNESCO nella lista del Patrimonio Mondiale nel 1982, particolare risalto merita il Museo Egizio, diretto dalla Dott.ssa Maria Cristina Guidotti, secondo in Italia solo al famoso Museo Egizio di Torino, ed ospitato nel palazzo del Museo Archeologico. Attualmente il Museo Egizio di Firenze conta oltre quattordicimila reperti, distribuiti in nove sale, in gran parte rinnovate, e due depositi.

Aswan - Museo della Nubia - 2012

Workshop scientifico che celebra l'incoronazione di Ramses II, organizzato dalla South Valley University, con il patrocinio del Governatore della South Valley ed il Prof. Dr. Abd el Halim Nur Eldin come presidente onorario. Il workshop scientifico è stato finalizzato a gettare la luce sul background scientifico di questo fenomeno, con la partecipazione di astronomi e archeologi delle università e delle scuole egiziane, oltre a diversi turisti. Con la partecipazione e l'intervento del Prof. Franco Porcelli, Consigliere Scientifico dell'Ambasciata d'Italia in Egitto.

Roma - Accademia d'Egitto - 2013

“…La mattina del 1 agosto andammo al tempio di buon'ora animati dall'idea d'entrare finalmente nel sotterraneo che avevamo scoperto... Al primo sguardo restammo stupiti della immensità di quel luogo , trovammo oggetti d'arte magnifici... pitture, sculture, figure colossali…” Così scriveva Giovanni Battista Belzoni nei suoi diari di viaggio quando, nell'agosto del 1817, si riuscì a liberare dalla sabbia l'entrata del Grande Tempio di Abu Simbel, permettendo così di scoprire al suo interno la magnificenza del luogo e di scoprire l'arte fino ad allora celata.